AnzianAbili3.0 - Percorsi riabilitativi sociosanitari e tecnologici per Anziani vulnerabili


La Fondazione Opera Pia Mastai Ferretti è capofila del progetto denominato “AnzianAbili3.0 – Percorsi riabilitativi sociosanitari e tecnologici per Anziani vulnerabili”, realizzato con il contributo di Fondazione Cariverona.

Il Progetto si avvale di un partenariato estremamente qualificato di Enti senza scopo di lucro quali:

  • Azienda Sanitaria Unica Regionale Marche – Area Vasta 2 di Senigallia
  • Ambito sociale territoriale 8 – Senigallia
  • Università Politecnica delle Marche – Dip. di Ingegneria dell’Informazione e di Medicina Sperimentale e Clinica, Sezione Neuroscienze Cliniche, Clinica di Neuroriabilitazione
  • Cooperativa sociale Polo9

Anzianabili3.0 ha l’obiettivo di creare e sperimentare un protocollo di percorsi terapeutici dedicati ad anziani vulnerabili – in particolare affetti in forma lieve da Alzheimer e altre demenze – sulla base dei seguenti presupposti:

  • Il numero di persone che convivono con una demenza è estremamente elevato ed influenza negativamente il funzionamento di famiglie, comunità e dei sistemi di assistenza sanitaria.
  • Recentemente, è emersa una crescente attenzione sugli effetti positivi dei paesaggi naturali all’aperto progettati per le persone con demenza.
  • Ugualmente, è crescente l’attenzione per approcci terapeutici che prevedano la possibilità di includere un training cognitivo mediante realtà virtuale.

Il protocollo di percorsi terapeutici di Anzianabili3.0 è stato approvato a novembre 2020 dal Comitato Etico Regionale Marche (CERM) e prevede di proporre ai 30 anziani coinvolti di inserire nella propria routine giornaliera – secondo le modalità previste – attività occupazionali e motorie ad alto carattere innovativo attraverso:

  • Un intervento di educazione in un giardino appositamente realizzato per la stimolazione multisensoriale.
  • Lo svolgimento di esercizi in realtà virtuale centrati sul paziente.
  • Lo sviluppo di un sistema di valutazione dei risultati ottenuti mediante l’adozione di tecnologie non intrusive per il monitoraggio dei parametri comportamentali e l’eventuale adattamento delle strategie assistenziali in atto.

Grazie al contributo di Fondazione Cariverona, è stato erogato gratuitamente nel periodo oggetto di studio un protocollo di percorsi terapeutici rivolti a mantenere quanto più possibile le abilità motorie, facoltà sensoriali, capacità cognitive e promuovere il benessere psicofisico degli anziani coinvolti – ospiti del Centro Diurno “Il Granaio” e della Casa di Riposo e Residenza Protetta per Anziani, entrambi afferenti presso la Fondazione Opera Pia Mastai Ferretti.

Nell’ambito del Progetto e con contributi propri, nella primavera del 2020 è stato realizzato il Giardino Sensoriale “Incanto”

In relazione all’andamento della pandemia covid-19, è stato inaugurato ufficialmente il 23 settembre 2021, in prossimità della Giornata mondiale dell’Alzheimer che ricorre ogni anno il 21 settembre.

Il Giardino è un ambiente dedicato alla cura di persone affette da demenze e malattia di Alzheimer ed è rivolto ad agevolare il recupero psico-fisico e il mantenimento delle capacità residue dei pazienti.

Realizzato all’interno della Fondazione Opera Pia Mastai Ferretti, nella parte outdoor confinante con viale Giacomo Leopardi, è infatti un apposito spazio verde, per anziani vulnerabili e loro famiglie, ad elevata qualità funzionale ed estetica per lo sviluppo di programmi terapeutici di stimolazione fisico-sensoriale ed attività terapeutico-riabilitative finalizzati a stimolare positivamente gli anziani, favorendone la socializzazione e l’integrazione sociale.

Oltre, al recupero delle piante già esistenti, si è prevista la collocazione di nuove piante e la realizzazione di aree destinate a favorire un’esperienza multisensoriale di tipo tattile, uditiva, olfattiva e motoria.

Nel rispetto della diversa capacità motoria e della diversa percezione spaziale degli anziani affetti da demenze e Alzheimer, ogni area del Giardino sensoriale è collegata internamente attraverso un percorso guidato (con pavimentazione anti-sdrucciolo) di larghezza variabile non inferiore a 100 cm (tale da renderlo fruibile anche con carrozzine e strumenti di sostegno), unico e semplice, all’interno del quale gli anziani vulnerabili possono muoversi liberamente, senza pericolo e privi di qualunque tipo di ostacolo.

Lungo tutto il percorso sono state realizzate aree di sosta, dotate in alcuni casi di copertura tramite pergolati adibite al riposo ma anche un’area di orti pensili per lo sviluppo di attività individuali e collettive.

Il Giardino inoltre è dotato di illuminazione apposita nonché di impianto acustico finalizzato alla filodiffusione.

Nell’ambito del Progetto AnzianAbili 3.0, la Fondazione Opera Pia Mastai Ferretti, in qualità di Ente capofila, in occasione della Giornata mondiale dell’Alzheimer, ha realizzato il 23 settembre 2021 il Convegno dal titolo “Il Progetto Anzianabili3.0 – un approccio innovativo per gli anziani affetti da Alzheimer e altre demenze”.

E a conclusione del Convegno, si è svolta anche l’Inaugurazione  del Giardino Sensoriale alla presenza delle Autorità istituzionali.

Dopo le gravi difficoltà dell’ultimo periodo dovute all’emergenza pandemica, è stata un’occasione  importante – organizzata nel rispetto delle norme anti Covid-19 – per affrontare la delicata e rilevante problematica dell’anziano vulnerabile e sue implicazioni per tutta la comunità e le famiglie ma anche per condividere i contenuti progettuali con le Istituzioni e l’ampio pubblico che ha partecipato all’evento.